Abarekà Nandree onlus
LOGIN

Entra anche tu nel mondo di Socialstars e scopri tanti eventi interessanti intorno a te.

 
Pasqua solidale 2018 Abarekà Nandree onlus

Negozio SportHello
via Giulio e Corrado Venini 34 34
Milano

Organizzatore: Abarekà Nandree onlus
Tel.: 347521305
Abarekà Nandree onlus organizza la Pasqua solidale. Con 10 euro per le uova di cioccolato da 200 gr e 13 euro per uova di cioccolato da 300 gr potrete contribuire ai progetti dell’associazione in corso.
Per informazioni scrivere a info@abareka.org o chiamare 3475213205.
Iscrizioni entro il 25/03/18.

Perché sostenerci?

Perché per noi la semplice solidarietà non basta
I nostri progetti dimostrano come solidarietà e autorganizzazione possono trasformare una situazione e alleviare le sofferenze di chi non ha scelto di nascere in una delle parti più sfortunate del mondo, ma una volta migliorata la situazione, trasmettiamo il concetto che occorre darsi da fare per aiutare gli altri, così viene moltiplicato all’infinito l'aiuto ricevuto. Stiamo cercando di cambiare il consolidato schema sociale di dipendenza dagli aiuti umanitari, a favore della responsabilizzazione. In quest’ottica si comprende il motivo per cui i contributi finanziari e materiali vengono solo in parte raccolti in Italia (generalmente il 50-70%), la popolazione locale si fa carico di reperire la parte restante di risorse necessarie alla realizzazione del progetto. Lavoriamo da circa venti anni senza intermediari e ci occupiamo in prima persona dei progetti. La nostra associazione è apolitica e laica ed è basata esclusivamente sul volontariato e sull’autofinanziamento, sia in Italia sia in Africa.

Il Mali, uno dei paesi più poveri del mondo
Il Mali, la cui capitale è Bamako, è situato nell’Africa Nord Occidentale e ha una popolazione di circa 11milioni di abitanti. Ex colonia francese, nella classifica dei paesi più poveri al mondo detiene il poco invidiabile 5° posto. La speranza di vita è circa di 45 anni. Il tasso di mortalità infantile è molto elevato (oltre il 10%). Il tasso di analfabetismo per gli uomini è del 60% e per le donne del 77%. Il reddito medio pro-capite è di circa 900 annui.

I nostri progetti in corso d’opera nella Repubblica del Mali

La clinica mobile per porta re la medicina nei villaggi
Il Mali è tra i paesi con il più alto indice di mortalità infantile nel mondo. Frequenti malattie trasmissibili e malnutrizione interessano il 30% dei giovani sotto i 15 anni. Nel 2006 è stata acquistata e parzialmente attrezzata un’unità mobile per rispondere ai bisogni igienico-sanitari di cure primarie di patologie risolvibili con interventi in loco, poiché le poche strutture ambulatoriali sono troppo distanti. È stato avviato un ciclo di visite periodiche di medici locali e la distribuzione di materiale sanitario e medicinali (molto costosi in Mali). Il nostro obiettivo è di garantire un’assistenza sanitaria di base continua gratuita per circa 40.000 persone, una spesa valutabile in circa 5.000 euro annui.

Sostegno scolastico a distanza: per imparare a scrivere il proprio futuro
Un progetto volto a sostenere economicamente fino all’istruzione secondaria (scuole medie) gli orfani e i bambini di famiglie più bisognose che non hanno la possibilità di poter pagare la retta scolastica e l'equipaggiamento necessario. Diventa il tutor di un bambino maliano, potrai garantirgli un futuro migliore nel suo Paese, contrastando l'analfabetismo e lo sfruttamento minorile. Il sostenitore potrà corrispondere con il bimbo, dal quale riceverà foto, scheda anagrafica e pagella.
Con soli 10 € al mese puoi garantire il suo percorso scolastico per un anno

Purificazione pozzi: l’acqua è vita quando c’è, ma che sia salubre
Sulla terra un miliardo e 400 milioni di persone non ha accesso all'acqua potabile. Il problema in Africa è noto, solo il 40% della popolazione dispone d’acqua potabile e il 20% ha i servizi igienici. Una famiglia europea consuma in media 165 litri d'acqua al giorno, una famiglia africana ne consuma 20 litri. Oltre che costruire pozzi (costo 10.000 € circa) occorre disinfestare ogni tre mesi i pozzi in uso, con appositi prodotti e manodopera specializzata. Spesso i pozzi sono soggetti a contaminazioni, causando malattie infettive e dissenteria, soprattutto nei bambini.
La bonifica di un pozzo che serve a 90 famiglie costa 12.50 e vale per un anno.

Sicurezza Alimentare in Mali
Gli orti, la cura e la sostenibilità del pianeta: villaggio di Lena, attività di produzione e di trasformazione dei prodotti orticoli. Attualmente in Mali le donne vengono escluse dal processo di sviluppo economico e sono spesso costrette ad accettare basse remunerazioni e dure condizioni di lavoro. L’esperienza ci mostra che, quando possono avere accesso alle risorse, alla tecnologia e alla formazione, esse possono dare un notevole impulso allo sviluppo economico. È pertanto in previsione di una partecipazione efficace e duratura delle donne al processo di sviluppo del Mali che nel 2015 abbiamo sviluppato nel villaggio di Lena un progetto finalizzato al coinvolgimento di 60 donne nelle attività di produzione e di trasformazione dei prodotti orticoli. In questo momento due gruppi di trenta donne producono (su una superficie di un ettaro) i seguenti ortaggi: peperoncino piccante, patate, patate dolci, cipolle, pomodori. Dopo il raccolto le verdure sonovendute sui mercati locali e in questo modo si aumenta il reddito pro-capite delle persone creando un circuito virtuoso e solidale. Il progetto è costantemente monitorato dai ns volontari locali e italiani al fine di assicurare la corretta gestione del terreno, eseguire le attività di manutenzione e continuare le attività di formazione delle donne.
Costo iniziale del progetto 20.052,00 euro
Costo annuale del progetto 2.000,00 euro (annui)

Banca di cereali a Sadjorobogou
Il progetto, realizzato con la collaborazione attiva del Comune di Baquineda e del capo villaggio di Sadjorobogou, ha beneficiato di una diffusione capillare ed ha avuto effetti indiretti su gran parte del villaggio (su circa 2500 persone abitanti 1500 ne hanno beneficiato indirettamente). A Sadjorobogou gli abitanti vivono di agricoltura coltivando miglio, arachidi e mais. Essendo impossibilitati a conservare i cereali dopo il raccolto per poterli consumare durante tutto l’anno, sono costretti a consumarli o a venderli nell’arco di pochi mesi rimanendone così privi nella stagione delle piogge, che precede il nuovo raccolto. È quindi per loro di vitale importanza disporre di un magazzino dove depositare le scorte senza pericolo che marciscano. Per ovviare a ciò nel 2015 è stata costruita una banca dei cereali, dove è stato stoccato il raccolto che via via è stato poi distribuito alla popolazione durante tutto l'anno evitando così le situazioni di carestia. Fondamentale è e sarà la corretta gestione della banca dei cereali che consentirà di estendere a futuro i benefici all'intero villaggio migliorandone così l'economia globale. Annualmente è pertanto effettuata (da parte dei volontari di Abarekà) un'attività di monitoraggio del progetto al fine di valutarne costi e benefici e di estenderne l'utilizzo a un sempre crescente numero di persone.
Costo iniziale del progetto17.278,00 euro
Costo annuale del progetto 1.000,00 euro

«LA MIA SCUOLA PER LA PACE» Laboratori di formazione alla nonviolenza nelle scuole del Mali
Il progetto si pone l'obiettivo di diffondere i principi e le pratiche della nonviolenza attiva nelle scuole del Mali, per lottare contro ogni forma di violenza fisica e psicologica e tutelare le nuove generazioni.
La sensibilizzazione ha l’obiettivo di:
1) Fornire agli insegnanti, strumenti utili a ripensare il proprio modo di rapportarsi agli alunni, rifiutando ogni comportamento violento, valorizzando l'ascolto reciproco e trasferendo modelli di vita positivi;
2) Stimolare le nuove generazioni al riconoscimento dei propri diritti e potenzialità per metterli al servizio della comunità La formazione alla nonviolenza nelle scuole si sta dimostrando, di anno in anno, un valido supporto per insegnanti e alunni, per interrompere quella catena di pratiche spesso coercitive che caratterizza la relazione educativa.
Dal 2012 al 2016 il progetto ha coinvolto 31 scuole, 211 insegnanti, 17 consiglieri pedagogici e 6.967 alunni.
Costo annuale del Progetto: euro 2.000,00

I nostri progetti in corso d’opera in Italia

Milano, corsi d’italiano per stranieri
Conoscere l’italiano permette agli stranieri di stabilizzare la propria vita e contribuire al sostegno economico della propria famiglia: con una certificazione d’italiano è più facile trovare lavoro e accedere a corsi professionali per imparare un mestiere. Allo stesso tempo permette alle famiglie di aprirsi al dialogo con altre culture e relazionarsi con esse. Con circa 350 ore di esercitazioni d’italiano somministrate dai nostri volontari nel corso del 2017 nel Municipio 2, una delle zone più densamente popolate di stranieri a Milano, la nostra associazione ha sostenuto gli stranieri nel percorso di certificazione A2 d’italiano,
oppure nell’iscrizione ai CPIA, i centri di educazione per adulti del comune di Milano, per conseguire il diploma di terza media. Alcuni di loro hanno raggiunto l’obiettivo, ora lavorano in modo stabile e continuo, e incoraggiano altri a intraprendere lo stesso percorso di formazione. Il nostro obiettivo è continuare su questa strada e spingere la maggior parte delle 100 persone che seguiamo annualmente a certificarsi.
Il costo annuo previsto per libri e iscrizione esami è di 1500 euro.

Progetto Ripartire si può – sportello gratuito per stranieri a Milano
Il progetto è stato avviato nel 2016 con l’obiettivo di favorire il percorso d’integrazione socio-economico degli stranieri presenti a Milano attraverso l’erogazione di servizi necessari a riacquisire gradualmente la completa padronanza della propria vita. Grazie al nostro staff di volontari, lo sportello stranieri è diventato un punto di riferimento per la popolazione straniera che settimanalmente riceve gratuitamente assistenza nei seguenti ambiti:
1) Consulenza e Assistenza legale.
2) Informazioni e orientamento ai servizi cittadini.
3) Disbrigo di pratiche burocratiche (es. richiesta del codice fiscale, iscrizione al sistema sanitario nazionale, accensione utenze domestiche etc.).
4) Orientamento alla formazione professionale e al lavoro.
Nel corso del 2017, con circa 250 ore di servizi erogati i nostri volontari hanno gestito pratiche di ricongiungimento familiare e di richiesta/rinnovo del permesso di soggiorno, seguito l’iscrizione a corsi di formazione professionale presso enti certificati e avviato ricorsi avverso procedimenti di diniego avvalendosi della collaborazione di avvocati specializzati nel settore dell’immigrazione. A più di un anno dalla sua creazione lo sportello stranieri si sta dimostrando un valido strumento non solo per il processo di integrazione degli stranieri ma anche per contrastare razzismo e discriminazione.
Costo annuo del progetto: 3.000 euro

Devi essere loggato per poter commentare.







Oppure puoi scaricare la nostra App e portare sempre con te Socialstars!